Rapporto di prova sulla DX-Patrol Groundstation con modalità full-duplex

Frank, dl5aar, ha testato la DX-Patrol Groundstation nella sua scuola. Ecco il suo resoconto!

All'inizio di quest'anno scolastico ho creato una stazione radioamatoriale nella mia scuola, la Carl-Friedrich-Gauß-Schule di Friedland, e ho offerto un corso complementare sull'argomento.

Con le attività radio in VHF e HF gli studenti hanno avuto modo di conoscere il nostro hobby divertente e vario. La possibilità di comunicare con la radio anche via satellite ha suscitato grande interesse. Presto è emerso il desiderio di un contatto radio tra la scuola e la stazione Neumayer 3 in Antartide. Per i primi passi col satellite ho portato a scuola il mio sistema portable QO-100 con antenna offset da 80, DX-Patrol Groundstation versione 1 e FT-817. Visto il forte entusiasmo, la scuola doveva dotarsi della sua attrezzatura.

Con gli annunci è stato possibile trovare a buon prezzo un'antenna satellitare da 60, una da 80 e una da 100. Abbiamo preso tre misure da testare e confrontare. L'LNB modificato è stato donato da Mathias DO6EP. Patric DC8PAT ci ha fornito la sua ultima versione dell'Ice Cone Feed 2.1. Per il resto abbiamo continuato a comunicare via radio con la mia Groundstation e l'FT-817.

L'attività radioamatoriale con il QO-100 offre molte possibilità di sperimentazione e fai-da-te: è un buon modo per fare conoscere agli studenti il carattere sperimentale del nostro hobby. Con gli studenti mi sono limitato agli esperimenti sulle antenne, ad esempio ho stampato gli alloggiamenti di varie antenne elicoidali con la stampante 3D della scuola.

Perché la DX-Patrol Groundstation?

A mio parere, per una stazione di club è importante che a tutti gli utenti basti un breve addestramento per poter usare l'attrezzatura in modo sicuro, soprattutto nel caso di una stazione scolastica. Personalmente ritenevo inadatte o troppo complicate le soluzioni con Adalm Pluto e console SDR o con molti componenti singoli, per cui cercando una "soluzione unica" ho preferito la già nota DX-Patrol Groundstation. Per me questa soluzione compatta si è dimostrata ideale anche per l'uso privato nei viaggi in camper.

Per la prima versione della Groundstation abbiamo avuto bisogno di un transceiver con i 70 cm per up e down. Non è in grado di funzionare in full-duplex, cioè non è possibile trasmettere e ricevere contemporaneamente. Questo ha portato a discussioni in rete perché la Groundstation non era conforme alle linee guida dell'AMSAT. Ho risolto questo "problema" utilizzando Websdr sul cellulare o sul notebook, o la chiavetta SDR sulla seconda uscita LNB.

Mancava poco al contatto tra la scuola e l'Antartide, ed eravamo curiosi di scoprire la "nuova" Groundstation.

Nel frattempo l'AMSAT ha confermato la data del contatto radio con l'Antartide. Così è nata l'idea di testare, in occasione di questo collegamento pianificato, la "nuova" Groundstation full-duplex con le sue funzioni aggiuntive e di confrontarla con la prima versione. Merita un grande ringraziamento la WiMo Antennen und Elektronik GmbH, che a questo scopo ci ha fornito la versione attuale della Groundstation.

DP0GVN per DL0CFG: benvenuti

Il grande giorno è arrivato, e le molte ore di preparazione hanno dato i loro frutti. Oltre alla stazione principale con antenna offset da 100, Ecoflex10 Koaxkabel da 10 m e Groundstation full-duplex con IC-7100 e Funcube Dongle, era pronta di riserva anche un'antenna da 80 con Groundstation versione 1 con FT-817; entrambi i sistemi avevano un'elica a 3,5 avvolgimenti.

Non c'è stato bisogno di soluzioni alternative: il nostro collegamento con l'Antartide ha funzionato perfettamente e gli studenti hanno avuto una risposta a tutte le loro numerose domande. Charly DK3ZL, coordinatore dei contatti scolastici presso AMSAT-DL, aveva in serbo per noi una sorpresa speciale: all'improvviso Polarstern (DP0POL/mm) ha chiamato per salutarci.



Groundstation versione 1 vs. Groundstation versione 2

Ora vorrei soffermarmi su somiglianze e differenze tra le due versioni. La versione 1 è dotata di un alloggiamento color alluminio, di cornici blu-verdi e di un display monocromatico. La versione 2 ha un aspetto più raffinato, con un alloggiamento nero tinta unita e un display colorato. Le dimensioni dell'alloggiamento sono identiche: solo 33 × 22 × 18 cm. Entrambi i dispositivi si usano in modo intuitivo. Nella prima versione non è possibile impostare nulla: nel display monocromatico si possono solo richiamare i vari messaggi di stato premendo un pulsante. In entrambe le unità la potenza di uscita di 10 watt si può regolare solo tramite la potenza di ingresso. Con l'antenna da 100 e l'Ecoflex10 da 10 m ci sono bastati 500 mW per produrre un ottimo segnale da S9. La potenza massima in ingresso per entrambe le unità è di 5 W, ma non dovrebbe essere esaurita. Durante i nostri test però si sono verificati lievi sovraccarichi.

Tutte le connessioni si trovano sul retro. Nella versione 1 tutte le connessioni tranne PTT (cinch), IF e uscita segnale clock (prese F) sono dotate di prese SMA e devono essere adattate alle prese/connettori N dell'antenna e della radio con i cavi in dotazione. La versione 2 ha una presa N all'uscita dell'amplificatore di potenza. La novità della versione 2 è un'uscita RX aggiuntiva con presa SMA, tramite cui è possibile realizzare il full-duplex. Con la nuova versione non vengono forniti altri adattatori. Sono inclusi il cavo di alimentazione, l'antenna GPS, quattro connettori F e un LNB DX Patrol.

Oltre al full-duplex, la nuova Groundstation offre ulteriori possibilità di impostazione che ampliano la gamma di applicazioni. Per la trasmissione e la ricezione si possono utilizzare diverse gamme di frequenza. RX e TX si possono impostare in due delle seguenti gamme: 28 MHz, 50 MHz, 70 MHz, 144 MHz, 432 MHz e 1295 MHz. In modalità simplex le gamme di frequenza RX e TX si impostano semplicemente sullo stesso valore e la presa TX/RX si collega a una radio. Per il full-duplex la presa RX/TX viene utilizzata solo per la trasmissione, mentre la presa RX è dotata di un ricevitore corrispondente (ad esempio una radio o una chiavetta SDR) su qualsiasi altra banda di frequenza (non la gamma TX). Ho provato entrambe le possibilità.

Attenzione: la presa RX non va assolutamente usata per la trasmissione, altrimenti si può distruggere la Groundstation!!!

Quando si cambiano le frequenze con due TRX, bisogna sempre impostare due frequenze uguali. Quando si trasmette (con entrambe le Groundstation), si nota che il tempo di caduta del vox HF potrebbe essere un po' più breve.

Mentre nella prima versione gli unici comandi sono il tasto per le indicazioni di stato e l'interruttore di alimentazione, nella versione 2 il tasto è sostituito da una manopola a pressione, con navigazione intuitiva del menu a un solo pulsante. Le voci di menu si selezionano ruotando, si attivano premendo, si modificano ruotando e si confermano premendo nuovamente il pulsante.

La variante 2 ha un display a colori di facile lettura. Se l'SWR dell'antenna di trasmissione è scarso (< 3), le unità si spengono e si emette un avviso. Oltre alla temperatura dell'unità, vengono visualizzati l'ora, il localizzatore, le coordinate, la potenza di uscita attuale, l'SWR e il numero di satelliti ricevuti. Una nuova caratteristica della seconda versione è la possibilità di aggiornare il FW tramite WLAN.

Conclusione:

Nel complesso, il concetto della Groundstation attuale mi ha convinto in pieno. Il bisogno di poche impostazioni è un vantaggio, ma una regolazione manuale della potenza sarebbe sicuramente interessante. Anche il ritardo del vox potrebbe essere un po' più breve, come accennato, ma forse si può regolare internamente.

È stato molto divertente lavorare con la Groundstation attuale e confrontare direttamente le due versioni. Quella attuale è un buon perfezionamento della versione 1 e la acquisteremo per la stazione della scuola, se riceveremo il finanziamento

Vy 73 Frank, dl5aar

Inviaci le tue segnalazioni!

Ricevi subito 50€! Condividi la tua esperienza con noi e con altri clienti scrivendo e inviando il tuo rapporto. Premieremo i tuoi sforzi con un buono WiMo da 50€ quando pubblicheremo la tua recensione. La tua recensione è importante per noi!

Condividi questo post con i tuoi amici!