Pronti per l'inverno: Preparate per l'inverno il vostro sistema d'antenna!

La stagione fredda è ormai alle porte e, mentre la maggior parte delle persone prepara le proprie case per l'inverno, anche voi radioamatori non dovreste dimenticare di predisporre il vostro sistema d'antenna. I radioamatori non sono solo un hobby popolare, ma anche un importante metodo di comunicazione che può essere prezioso, soprattutto in caso di emergenza. In questo post scoprirete perché è così importante per il vostro sistema d'antenna e quali sono le misure che potete adottare per assicurarvi di rimanere in onda durante i mesi più freddi dell'anno.

La resistenza ai raggi UV dei cavi coassiali con rivestimento nero e le loro sfide nell'uso all'aperto

I cavi coassiali con rivestimento nero sono resistenti ai raggi UV. Ma questo significa solo che resistono ai raggi UV del sole più a lungo di altri materiali. Perché anche in questo caso non c'è una protezione al 100%.

La guaina esterna della maggior parte dei cavi coassiali offerti oggi è in PVC, che di per sé ha una buona resistenza ai raggi UV. L'aggiunta di coloranti neri (nerofumo) migliora ulteriormente questa resistenza. Tuttavia, i cavi soffrono all'esterno, tra l'altro, di acidi, come quelli presenti nell'aria di scarico dei camini. A ciò si aggiungono il costante movimento intorno al rotore e i raggi UV. Nonostante tutte le misure di protezione, dopo molti anni di utilizzo all'aperto i cavi coassiali possono sviluppare delle crepe, attraverso le quali l'acqua può penetrare e danneggiare permanentemente il cavo con il gelo successivo. Ma anche senza danni da gelo, l'acqua nel cavo può alterare gravemente le proprietà elettriche, come l'impedenza in alcuni punti. Nel peggiore dei casi, la corrosione si verifica sul connettore, ad esempio nei punti di transizione dal conduttore di rame all'alloggiamento del connettore nichelato o al conduttore interno placcato in oro. Il risultato sono punti critici per la RF, che possono portare ad un cattivo rapporto d'onda stazionaria (SWR) e a riflessioni elevate.

La "respirazione" del cavo: un effetto meno conosciuto e il suo impatto sull'umidità nel cavo

Un altro effetto poco conosciuto è la "respirazione" di un cavo. Una parte del cavo si trova all'interno, coperta, ed è sostanzialmente sempre alla stessa temperatura. L'altra parte si trova all'esterno ed è esposta alle intemperie. In estate, un cavo può subire differenze di temperatura di 20 gradi e oltre. Questa forte differenza di temperatura porta a una differenza di pressione nel cavo, che a sua volta fa sì che l'aria umida esterna possa penetrare nel cavo. L'acqua si condensa più tardi quando il cavo si raffredda nuovamente. Non a caso, molti cavi coassiali nelle installazioni professionali sono riempiti di azoto e gestiti con una leggera sovrapressione. In questo modo si evita la condensazione dell'umidità.

Pertanto, al massimo dopo 10 anni, è necessario dare un'occhiata al mast e controllare i cavi. Questo include i cavi di controllo, ma soprattutto i cavi coassiali. In questo caso, il cavo deve essere ispezionato per tutta la sua lunghezza alla ricerca di crepe, porosità o addirittura tracce di roditori. I punti di transizione, come quelli dei sistemi di protezione dai fulmini o della spina, sono particolarmente sensibili, ma anche la parte del cavo che si muove quando il rotore gira. E già che ci siete, dovreste controllare anche le comuni fascette per cavi. Anche queste non durano in eterno, la scarsa resistenza ai raggi UV si fa notare rapidamente. E po,i improvvisamente, l'intero cavo con il suo peso è appeso solo al connettore...

Se un cavo coassiale è danneggiato, è necessario sostituirlo completamente. Sì, sembra un buon argomento per aumentare le vendite. Ma la pratica dimostra che "rattoppare" i cavi RF è di solito svantaggioso. Si creano nuove giunzioni e il cavo presenta maggiori perdite. Questo può essere accettato in singoli casi, ma quando i requisiti sono elevati, ogni dB conta.

Consigli per la scelta e la cura dei cavi coassiali e dei connettori

La maggior parte dei cavi coassiali offerti da WiMo con rivestimento esterno nero sono stabilizzati ai raggi UV. Al momento della scelta, prestate attenzione all'attenuazione; un trasmettitore omnidirezionale VHF per il funzionamento come ripetitore potrebbe non aver bisogno del cavo di maggior diametro, ma un sistema UHF per le operazioni DX sì. I cavi che devono essere spostati attorno a un rotore dovrebbero avere un conduttore interno flessibile (filo a trefoli). Oppure, se si tratta di un cavo con conduttore interno fisso per motivi di attenuazione, deve essere posato in un arco molto ampio attorno al rotore.

Durante la prova, tutte le spine devono essere smontate e ispezionate internamente per verificare la presenza di corrosione. Al momento del rimontaggio, ogni connettore deve essere protetto almeno con un tubo termorestringente, ma meglio con un nastro autosaldante o sigillato con un liquido di gomma come il Rubbaseal.

L'importanza di ispezioni e manutenzioni regolari

Infine, va sottolineato che ispezioni regolari e, se necessario, la sostituzione di cavi e connettori danneggiati sono fondamentali per garantire comunicazioni radio senza problemi. Nella scelta e nella manutenzione dei cavi coassiali, prestate sempre attenzione ai requisiti specifici della vostra installazione e proteggete i connettori dalla corrosione e dall'umidità per mantenere le prestazioni del vostro sistema radio.

Condividi questo post con gli amici!